cover

Ecologia del Paesaggio e Progettazione Ambientale

Il ruolo della Fitosociologia, Camerino 1992

Ed.: Jean-Marie Géhu

1995. XXII, 722 pages, 152 figures, 117 tables, 15x23cm, 1550 g
Language: English

(Colloques Phytosociologiques, Volume 21)

ISBN 978-3-443-70010-2, paperback, price: 148.00 €

in stock and ready to ship

Order form

BibTeX file

Contents

Sommaire top ↑

PEDROTTI, F. - Avant-propos
Liste des participants
COMMUNICATIONS
Président: Prof:Dr. S. GENTILE
BIONDI, E. - Fitosociologia ed ecologia del paesaggio; alcune
considerazioni introduttive al tema del convegno 1-12
GEHU, J.-M - Phytosociologie et aménagement du territoire. 13-50
PARADIS, G. & PIAZZA, C. - Phytosociologie du site protégé de l'Ortole
(Corse). Etude préliminaire à sa gestion. 51-100
BRACCO, F. & SARTORI, F. - Sempreverdi e caducifoglie nel piano
montano prealpino (La Riserva Naturale del Giovetto di Palline;
Province di Bergamo e Brescia, Lombardia, Italia) 101-117
Président: Prof:Dr. M. COSTA PEDROTTI, F. & CANULLO, R. - La
cartografia geobotanica come strumento per la gestione del territorio.
119-125
ASENSI MARFIL, A., DIEZ GARRETAS, B., MARTIN OSORIO, FE. & FERRE
BUENO, E. - Unidades de paisaje en el Parque Natural de Cabo de
Gata-Nijar (Armeria, España) 127-146
ORSOMANDO, E. - La cartografia della vegetazione come hase per
l'individuazione e la valorizzazione delle aree di interesse
naturalistico- ambienlale nella regione Umbria. 147-163
Président: Dr A. CARNI
CRESTA, P. - La contribution du naturaliste dans l'aménagement du
territoire de la Ligurie (Italie). 165-167
BARBERIS, G., PAOLA, G. & PECCENINI, S. - Dinamismo e proposte di
gestione della vegetazione mediterranea in Liguria Italia
Nord-occidentale). 169-182
MARTINI, E. & ZAPPA, E. - Potentialités de la flore pionnière
autochtone pour la consolidation du tracé d'un méthanoduc sur des
serpentines dans lÁpennin génois (Ligurie-ltalie septentrionale).
183-193
ANDREIS, C. & CERABOLINI, B. - La Brughiera briantea, la vegetazione
ed il piano di gestione. 195-224
BUFFA, G. - Utilizzo di dati territoriali per l'ottenimento di una carta della
vegetazione della regione valle d Á osta a piccola scala.
225-239
Président: Dr J.-P. THEURILLAT
BOSCAIU, M. - La signification des indices de diversité pour le
paysage végétal du Parc National de Retezat (Poumanie). 241-258
TRINAJSTIC, I. - Succession of the vegetation on places of burned
Alepo pine (Pinus halepensis Miller) forests in Eastern Adriatic
littoral. 259-267
UBALDI, D., ZANOTTI, A.-L. & PUPPI, G. - Les paysages forestiers de
l'Émilie-Romagne et leur significaron bioclimatique. 269-286
VALENZIANO, S. - La gestione dei boschi in aree protette . il caso dei
Monti Simbruini. 287-301
ALEFFI, M. - Gli antichi documenti come base per la ricostruzione del
paesaggio vegetale. 303-310
Président: Prof.Dr. M. TANGHE
BLASI, C. - Fitosociologia delpaesaggio e progettazione ambientale.
311-318
THEURILLAT, J.-P., AESCHIMANN, D., KUPFER, Ph. & SPICHIGER, R - La
phytocoenologie dans le projet "Flora Alpina" 319-330
ANDREOTTI, A. & MINCIARL)I, M.-R. - Progetto per il recupero
ambientale, f nalizzato alla realizzazione di un'oasi ornitologica, di
un sito nei pressi dell'Alveo del torrente Scrivia (AL). 331-341
MINISSALE, R & SPAMPINA TO, G. - L 'impatto antropico sulla
vegetazione della riserva naturale orientata Fiume Fiumefreddo
(Sicilia orientale). 343-356
SARTORI, F. & GERI A SONI, S. - Ecologia delpaesaggio perifluviale
Padano. 357-371
Président: Prof. Dr. A. BOSCAIU
SULLI, C. & BERNONI, M. - Primi riscontri ai criteri di gestione delle
risorse forestali adottati nel Parco Nazionale d Á bruzzo. 373-378
VALLE, F., PEÑAS DE GILES, J. & MADRONA, M.-T. - La fitosociologia en
la restauración del paisaje vegetal: los "acerares (Daphno
latifoliae-Aceretum granatensis) en el Parque Natural de la Sierra de
Baza (Andalucia, España). 379-389
GALLI, A. - Il contributo del telerilevamento e dei Geographical
Information System nello studio e nella gestione del paesaggio rurale.
391-410
LONGHITANO, N., RONSISVALLE, G.-A. & CIRINO, E. - Interventi per la
tutela e la protezione del territorio nella provincia regionale di
Catania. 411-441
MACCHIA, F. & FORTE, L. - L'acquisizione autoecologica delle specie
caratteristiche alla base di una corretta gestione del territorio.
443-455
PAVLETIC, Z. - The flora of the Croatian littoral endangered species
and their protection. 457-461
POSTERS
SINISCALCO, C., TURBIGLIO, I. & MONTACCHINI, F. - Studio di impatto
ambientale: valore floristico-vegetozionale e valore
agro-silvo-pastorale. 463-474
TANGHE, M. - Le réseau interconnecté d'écotopes comme modèle
planologique pour la conservation et la restauration écologiques du
paysage rural de la Wallonie (Sud de la Belgique). 475-488
STANISCI, A. & PEZZOTTA, M. - Trasformazioni nel paesaggio vegetale
delle isole Ponziane (Lazio, Italia centrale). 489-509
ANDREIS, C., LAZZARONI, L., RODONDI, G. & ZA VAGNO, F. - La
vegetazione delle torbiere del Sebino e le direttive del piano di
gestione. 511-546
BRACCO, F. - Variazioni delpaesaggio vegetale nella Golena del Fiume
Po. 547-552
GENTILE, A. - Stazioni di spontaneizzazione di Opuntia stricto Haw. in
Liguria (Italia). 553-558
CORTICELLI, S. & CIARDI, G. - Elaborazioni automatiche della carta
della vegetazione per la gestione del territorio. 559-562
DELL ÁQUILA, L., AGOSTINI, N., CORTICELLI, S. & ALTOBELLI, P. -
Censimento degli ambiti di interesse naturalistico della pianura
bolognese. 563-570
ORSOMANDO, E. & CATORCI, A. - Carta della vegetazione del comprensorio
trasimeno (scala 1:50 000). 571-574
ORSOMANDO, E. & CA TORCI, A. - ll territorio comunale di Contigliano e
Greccio (Rieti): carta della vegetazione con emergenze
storico-ambientali ed itinerari naturalistici. 575-578
GRATANI, L., CRESCENTE, M.-F., ROSSI, A. & FRA TTAROLI, A. - Biomassa
dei pascoli a Sesleria apennina Ujhelyi nel comprensorio di Campo
Imperatore (Gran Sorso d Ítalia). 579-587
PETRICCIONE, B. & SUSANNA, G. - La progettazione di un parco naturale
a partire dagli studi floristici e vegetozionali . il Parco della
Valle di Amplero e della Yallelonga (Appennino centrale). 589-595
AMADORI, M., BARTOLINI, F., GIGLI, M.-P., PETROCCHI, F., RESINI,
A.-M., TONELLI, V. & TURCHETTI, R. - La Selva Laurenhna: un percorso
nel tempo. 597-606
AMADORI, M., BARTOLINI, F., GIGLI, M.-P., PETROCCHI, F., RESINI,
A.-M., TONELLI, V. & TURCHETTI, R. - Capena . studio preliminare ad un
progetto di recupero ambientale. 607-614
MINISSALE, P. - Studio fitosociologico delle praterie ad Ampelodesmos
mauritanicus della Sicilia. 615-652
LEONARDI, S. & RAPP, M. - Forest and agricultural ecosystem
productivity in Sicily. 653-667
COSCIA, L. & MINCIARDI, M.-R. - Studio per il recupero di una cava di
crinale dismessa e del territorio circostante (Genova). 669-675
MOTA POVEDA, J.-F., ALVARADO GUERRI, J.-J., GÓMEZ MERCADO, F. VALLE
TENDERO, F. & CABELLO PIÑAR, J. - Vegetación gipsicola y conservación
de la naturaleza 677-688
MARTINEZ CARRETERO, E. - El paisaje vegetal natural en los Andes
centrales de Argentina. El l'alle de Uspallata, Mendoza 689-698
HRUSKA, K & VALENTI, A. - Predittività ecologica delle specie vegetali
nella gestione dell'ambiente urbano. 699-706
GÓMEZ-MERCADO, F., VALLE TENDERO, F. & MOTA, J.-F. - Los pastizales de
las Cl. Festuco-Ononidetea striate y Nardetea en las montañas
calcareas del Sur de España 707-722

Riassunto top ↑


Come risulta dal sottotitolo il presente intervento non vuol essere
altro che una sintetica introduzione al tema del convegno, promosso
dal Gruppo di Lavoro per la Vegetazione della Società Botanica
Italiana, dall'Amicale Francophone de Phytosociology e dal
Dipartimento di Botanica ed Ecologia dell'Università di Camerino. Gli
scopi che hanno animato le due associazioni scientifiche e l'istituto
universitario citati sono principalmente due, di cui uno per cosi dire
esterno, perchè rivolto agli altri specialisti che operano
sull'ambiente e ai quali vogliamo dimostrare il valore della nostra
disciplina, la fitosociologia, nella descrizionc ecologica del
paesaggio, e l'altro, interno, nel quale dobbiamo approfondire il
confronto scientifico e metodologico per dare sempre più corpo alla
fitosociologia come scienza applicata alla pianificazione e gestione
del territorio, in modo da riuscire a fornire risposte maggiormente
adeguate alle esigenze poste dalla moderna società.